• 6634 registrati
  • 1 oggi
  • 7 questa settimana
  • 254 questo mese
  • Ultimo: sassa
Sviluppare abilità di comunicazione espressiva per bambini non-verbali con autismo Stampa E-mail

icon Sviluppare abilità di comunicazione espressiva per bambini non-verbali con autismo (369.84 kB)

Che cosa è la comunicazione?non verbale

 

La comunicazione è una gamma di comportamenti utilizzati intenzionalmente all'interno di una struttura di scambi sociali, per trasmettere le informazioni, le osservazioni, o le proprie condizioni, o per procurare cambiamenti nell'ambiente circostante. Se intenzionali, sia i comportamenti verbali che quelli non verbali possono essere capiti cercando di anticipare il risultato. Di conseguenza non tutte le vocalizzazioni, o persino i discorsi, possono qualificarsi come comportamenti comunicativi intenzionale (7).

Tale definizione enfatizza quella comunicazione che avviene all'interno di un contesto sociale. La Speech/verbalization si trasforma in comunicazione solo quando c’è un desiderio o intenzione, per trasportare un messaggio a qualcun altro.

Giacchè i rapporti sociali sono la principale area problematica per i bambini autistici, non ci sorprende che la comunicazione efficace è significativamente danneggiata per questi bambini.

Queste due zone, comunicazione ed abilità sociali, sono intrecciate strettamente ed interdipendenti. Di conseguenza lo sviluppo delle abilità di comunicazione non può essere la sola responsabilità del patologo di speech/language (logopedista?). Mentre questi può fornire "la guida " e le strategie, la comunicazione deve essere indirizzata continuamente da tutti quelli che hanno contatti con il bambino.

 

Il doppio scopo di questo articolo è di fornire:

 

  • I le domande determinanti da prendere in considerazione per determinare le abilità correnti di comunicazione del bambino;
  • II le informazioni per quanto riguarda lo sviluppo di un programma di intervento di comunicazione basato sui bisogni di comunicazione del bambino.

I Domande chiave da considerare per determinare le abilità correnti di comunicazione del bambino.

Per sviluppare un programma adatto di intervento di comunicazione per il bambino non-verbale, è essenziale determinare le abilità correnti di comunicazione del bambino. Le seguenti sono domande importanti da considerare per fare questa determinazione:

Il bambino esibisce la comunicazione intenzionale?

È importante determinare se il bambino sta esibendo l'intenzione comunicativa. L'intenzione per trasportare un messaggio distingue la comunicazione da discorso, dalla verbalizzazione e dai gesti non-comunicativi. Quando il bambino prevede un risultato dalla sua comunicazione, indipendentemente dal tipo (cioè: discorso, gesto, ecc.), dimostra intenzione.

Esempio: Un genitore risponde ad un bambino che piange. A questo punto, il bambino non ha esibito l'intenzione comunicativa. Tuttavia se il bambino continua a piangere, guarda il genitore ed allora guarda un oggetto voluto, l'intenzione di comunicare è stata dimostrata. Con il pianto, guardando l'adulto e guardando l'oggetto, il bambino sta anticipando che otterrà l'articolo desiderato.


L'intenzione comunicativa è indicativa del desiderio del bambino di comunicare. A sua volta, il desiderio di comunicare è legato inestricabilmente allo sviluppo dei rapporti sociali, una area di difficoltà significativa per i bambini autistici. Poiché questi bambini sono spesso ignari di questo, o possono essere non interessati ad altri, il desiderio comunicativo o l'intenzione sono di frequente assenti. Non capiscono che possono usare la comunicazione per ottenere qualcosa, o convincere qualcuno a fare qualcosa per loro. Tentano di ottenere i loro bisogni e desideri da soli in tutti i modi possibili e possono esibire frustrazione se non ci riescono. Nell’ interagire con un bambino autistico, è importante riuscire a distinguere la frustrazione dal desiderio stesso di comunicare, ciò per determinare se il bambino sta esibendo un intento comunicativo.

In che modo il bambino comunica?

Un bambino autistico, che mostra comunicazione intenzionale, può farlo utilizzando varie forme o modi. È importante considerare quale delle seguenti forme di comunicazione sono usate dal bambino:

  • Motoria: Dirige la manipolazione fisica di una persona o di un oggetto (per esempio, prendendo la mano della persona e spingendola verso un articolo voluto; dando una tazza ad un assistente per indicare, "desidera il latte").
  • Gestuale: Indicare, mostrare, guarda lo spostamento fisso (per esempio, un bambino osserva o indica un oggetto voluto ed allora sposta il suo sguardo fisso ad un'altra persona, quindi chiede quell'oggetto compiendo l'atto comunicativo di richiesta).
  • Vocalizzazione: Uso di suono, compreso il pianto, per comunicare (ad esempio, un bambino dice "ah-ah-ah", attirando l'attenzione di un'altra persona).
  • Linguaggio dei segni : Comunicazione con un sistema convenzionale del linguaggio dei segni.
  • Usando gli oggetti: Il bambino passa un oggetto ad un'altra persona per comunicare (per esempio, le mani del bambino porgono la tazza al suo genitore per chiedere:"bere").
  • Usando foto: Uso delle fotografie bidimensionali comunicare (per esempio, le parti del corpo del bambino, o le fotografie di vari oggetti, azioni o eventi per comunicare il suo bisogno).
  • Illustrazione: L'uso delle illustrazioni bidimensionali che rappresentano gli oggetti, le azioni o gli eventi (per esempio, un bambino passa una illustrazione di una "altalena" al suo genitore per indicare che desidera essere dondolato).
  • Scritta: Uso delle parole o delle frasi stampate per comunicare (per esempio, il bambino scrive "troppo alto", per indicare che il livello acustico nell'ambiente lo sta importunando).

In più è importante determinare se la forma della comunicazione usata dal bambino varia, a seconda del contesto, della situazione o del tipo di comunicazione utilizzato. Per esempio, il bambino può usare un modo motorio della comunicazione (ossia prende la mano della persona e che la spinge verso un articolo voluto) per chiedere un oggetto. Tuttavia lo stesso bambino può usare un vocalizzazione (pianto) per rifiutare un articolo, o per protestare.

Come il bambino usa il 'suo' linguaggio per comunicare?

La ricerca ha mostrato che il bambino autistico usa il suo linguaggio per comunicare per una gamma stretta o limitata di scopi o di funzioni (7). Ci sono tre funzioni o scopi primari del linguaggio: regolazione del comportamento, interazione sociale ed attenzione congiunta (7). È importante notare che tutte e tre le funzioni comunicative sono sviluppate approssimativamente dall'età 12 mesi in bambini normodotati e sono elencate nell'ordine gerarchico da: minimo sociale a più sociale: (6):

 

Regolazione del comportamento: questa è la funzione comunicativa più facile e quella che più presto compare (6) Il bambino usa la comunicazione per chiedere/protestare o soddisfa i suoi bisogni fisici immediati. Le regolazioni del comportamento includono:

  • Richiesta degli oggetti
  • Richiesta delle azioni
  • Richiesta di assistenza
  • Protesta/rifiuto dell’oggetto
  • Protesta/rifiuto delle azioni

 

Interazione sociale: sono tipi di comportamenti comunicativi utilizzati per iniziare, rispondere a, effettuare, o terminare le interazioni sociali. Queste interazioni comunicative sociali includono:

  • richiesta delle procedure sociali (ad esempio, chiedere di giocare a "cuccu sette te");
  • richiesta di comodità (ad esempio, chiedere di essere tenuto in braccio se sta male);
  • saluti (per esempio, "ciao" /"addio");
  • chiamata dell'attenzione: (per esempio, il bambino chiama l'attenzione attraverso di se per chiamare altri);
  • mettendosi in mostra (ad esempio, il bambino mostra tali comportamenti durante i giochi quali il cuccu-sette te).
Attenzione congiunta: è la funzione comunicativa più difficile da sviluppare per i bambini nello spettro (6). Questi atti comunicativi sono usati per dirigere l'attenzione di un altra persona ad un oggetto, ad un evento, o ad un soggetto di un atto comunicativo.


Gli atti congiunti di comunicazione e di attenzione includono:

  • commenti (per esempio, un bambino che guarda il suo genitore e che indica al cielo ad un aeroplano lassù. Il bambino non sta chiedendo l'aeroplano ma sta commentando su di esso, attirando l'attenzione di un'altra persona su questo oggetto);

  • chiedendo le informazioni da altri (per esempio, il bambino chiede un altro "dove siete andati?");

  • fornendo le informazioni ad altri (per esempio, il bambino fornisce le informazioni su qualcosa che non sia evidente o conosciuta ad un'altra persona: "sono andato alla fiera la notte scorsa ");

 

C'è un motivo perchè il bambino comunichi?

È importante determinare che cosa motiva il bambino prima di sviluppare un programma di intervento del linguaggio. Come nello sviluppo tipico del linguaggio di un bambino normodotato, i bambini con autismo non prendono iniziative nelle interazioni comunicative a meno che non siano motivati a farlo. Di conseguenza, se il bambino ama oscillare, o saltare o giocare con la corda o adora degli alimenti in particolare, allora queste sono le azioni/oggetti che dovrebbero fare parte di un programma di intervento. L'uso di oggetti per motivare le attività è vitale quando i bambini assistiti sviluppano l'intenzione comunicativa/desiderio. La scelta del nucleo di parole iniziali da includere inizialmente nel vocabolario vengono scelte per spiegare al bambino autistico il metodo. Utilizzando, inizialmente, le azioni e gli oggetti sui quali è maggiormente motivato, imparerà gli scopi o le funzioni della comunicazione. Una volta che il bambino ha imparato questo, il vocabolario può allora essere esteso con una varietà di strategie d'istruzione.

 

Il bambino inizia e/o risponde alle interazioni comunicative?

La comunicazione implica che ci siano sia un iniziatore che un risponditore alle informazioni quando si inizia una situazione sociale (4). Di conseguenza è importante determinare se il bambino può capire, e se può partecipare, ad entrambi i ruoli nelle interazioni comunicative.

Esempio: Un bambino non-verbale potrebbe iniziare un'interazione comunicativa con il suo genitore vocalizzando per denominare l'attenzione e quindi indicando per chiedere l'oggetto voluto. Lo stesso bambino potrebbe rispondere indicando un'immagine di un cibo desiderato quando il suo genitore chiede, "che cosa desideri mangiare?"

I bambini autistici hanno tipicamente difficoltà ad iniziare le interazioni comunicative con altre persone (4). Nel determinare se il bambino è agli inizi o risponde a tutte le interazioni comunicative, è importante accertare i particolari del contesto, il modo o la forma della comunicazione e lo scopo o la funzione comunicativa.

Esempio: Un bambino trova sua madre in un'altra stanza, prende la sua mano e la conduce nella cucina, in cui dispone la sua mano sulla maniglia del frigorifero. La madre apre il frigorifero e comincia ad eliminare gli articoli uno per uno fino a che il bambino non indica con l'espressione del corpo e della faccia che proprio l'oggetto che lui desidera. In questo esempio il bambino inizia la comunicazione nella cucina (contesto) per chiedere l'alimento voluto (scopo), usando una forma motoria e gestuale della comunicazione.

Può il bambino usare le strategie "di riparazione" quando ci sono incomprensioni nella comunicazione?

A causa delle loro grosse difficoltà nella comunicazione, i bambini autistici possono percepire spesso di non essere compresi, questo sia nel caso in cui il bambino sia in grado di parlare oppure no. Di conseguenza è importante determinare se il bambino è in grado di utilizzare tutte le strategie in suo possesso per correggere il messaggio comunicativo, sia in entrata che in uscita.

Incomprensioni di comunicazione come ascoltatore (che riceve le informazioni):

Poiché i bambini autistici hanno difficoltà significative di comprensione del linguaggio, possono frequentemente sperimentare incomprensione. Questo si manifesta quando il bambino non capisce, o risponde inadeguatamente alle informazioni verbali. Una strategia di correzione del messaggio in entrata, utilizzabile in tali situazioni, è quella di presentare visivamente le informazioni comprese male (i bambini autistici processano generalmente più facilmente l’informazione visiva rispetto a quella verbale). In tal modo si può determinare se il bambino sta o non sta rispondendo correttamente (incomprensione di comunicazione), ciò perché le informazioni fornite verbalmente non vengono adeguatamente comprese, oppure se effettivamente non capisce le informazioni presentate verbalmente e visivamente. Molti bambini possono facilmente essere ettichetati erroneamente quando non rispondono alle informazioni verbali. Una valutazione corretta dovrebbe essere fatta sempre in base alla capacità del bambino di comprendere e rispondere alle informazioni verbali (in contrasto con le informazioni visive). Una osservazione attenta dovrebbe essere rivolta sempre verso la capacità del bambino di comprendere e rispondere alle informazioni verbali (in contrasto con le informazioni visive).

Correzione delle strategie di comunicazione in caso di incomprensione quando il bambino parla (cioè esprime le informazioni).

Quando si verificano incomprensioni nella comunicazione espressiva, è importante capire se il bambino esibisce le seguenti strategie di correzione:

  • Ripetere lo stesso tentativo comunicativo: Essendo persistente. Per esempio il bambino indica ripetutamente una mensola fuori mano, l'adulto elimina ogni articolo della mensola e lo mostra al bambino per vedere se è l'articolo voluto.
  • Mostrare alla persona che ascolta cosa sta provando a comunicare: un bambino potrebbe portare un adulto al frigorifero, per esempio, per aprire il portello e per raggiungere una mensola sulla quale c’è il latte, dimostrando che desidera il latte.
  • Uso di un senso alternativo per comunicare lo stesso messaggio: Nel suddetto esempio, se il bambino indica la mensola parecchie volte, ma l'adulto ancora non capisce (una incomprensione nella comunicazione), il bambino potrebbe allora scegliere un'immagine dal suo libro di comunicazione per chiarire la sua richiesta comunicativa, così riparando la incomprensione nella comunicazione.

II Sviluppare un programma di intervento per il bambino non-Verbale con Autismo.

Dopo aver considerato le domande precedenti, un programma di intervento può allora essere sviluppato per rispondere ai bisogni comunicativi del bambino a questo livello preverbale. Dovrebbe includere i seguenti elementi essenziali:

Intenzione comunicativa di sviluppo:

A seguito dell'istituzione di tali abilità pre-linguistiche come il contatto oculare tra assistente e bambino, ad un bambino non-verbale può essere insegnata l'intenzione comunicativa in tanti modi:

  • Ragionamento della Causa/effetto:

ragionare su Causa/effetto sviluppa l'intenzione comunicativa, perché insegna al bambino che fare un'azione può indurre un altro a fare qualcosa. Per il bambino è importante sviluppare una comprensione del ragionamento di causa/effetto con una varietà di esperienze, come giocare con i giocattoli di pop-up/musicali che sono attivati dalla pressione di un tasto oppure arrampicarsi su una sedia per ottenere un biscotto o ancora essere ricompensato quando attiva dei comportamenti appropriati, ecc.

  • Routine di attività unite:

le procedure altamente prevedibili comprendono le routine del movimento, ad esempio: gonfiare un palloncino e lasciarlo andare, giocare al gioco del solletico, procedure conosciute come preparare alcuni cibi , come fare il latte al cioccolato; routine con giocattoli semplici…. Aiutano a stabilire il concetto di comportamento anticipato nel bambino. La capacità del bambino di prevedere il risultato di queste routine unite ad attività altamente prevedibili assicura la comprensione della causa/effetto. Le procedure unite di attività sono una strategia d'istruzione altamente efficace per i bambini autistici poichè forniscono un modo d'imparare attraverso una caratteristica di forza del autismo, cioè la preferenza per le routine. Raggruppare le attività comuni è efficace affinchè il bambino e l'adulto trovino un contatto nelle interazioni comunicative sociali espressive e naturali all'interno della routine di un'attività. Un altro risultato positivo nel raggruppare le attività di routine è che ciò insegna al bambino che può condividere le esperienze con altri con la comunicazione inclusa in queste procedure (2).

  • Fare ritardare le risposte a desiderio/necessità anticipate:

occasionalmente può essere facile da anticipare e rispondere al desiderio e bisogno del bambino non-verbale, anche se il bambino non utilizza la comunicazione intenzionale. Tuttavia, poichè l'obiettivo del programma di intervento è di sviluppare le abilità espressive di comunicazione (cioè scopo, intenzione e desiderio), è importante ricordarsi di invitare il bambino a comunicare. Anche se l'adulto può conoscere che cosa il bambino desidera, è importante fare ritardare la risposta al desiderio del bambino in modo da mettere lui nelle situazione che gli richiede di interagire con altri per ottenere il suo desiderio e soddisfare le sue esigenze.

Stabilire un modo efficiente ed adatto (forma) per comunicare:

Dopo aver stabilito il modo di comunicare del bambino, (cioè motorio, gestuale, ecc.) è importante considerare se una forma più efficiente può essere usata per esprimere le stesse funzioni (usi) del linguaggio. Per esempio: se il bambino salta su e giù eccitato per chiedere un oggetto desiderato, dovrebbe essere preso in considerazione un modo più funzionale di "chiedere" gli articoli. Questa parte del processo di intervento è doppia: a) determinare quale sistema visivo della rappresentazione è capito meglio dal bambino (cioè: oggetti, fotografie, illustrazione realistica, disegni a tratteggio, scrittura di parole); e b) usando queste informazioni per determinare un sistema di comunicazione alternativo adatto per il bambino. I seguenti sistemi visivi della rappresentazione sono elencati nell'ordine gerarchico, da concreto ad astrattto.

  • Sistemi visivi della rappresentazione :

Oggetti reali: Il bambino usa i vari oggetti reali per comunicare (per esempio, dà al suo genitore i pattini per indicare che desidera andare all'esterno).

Oggetti reali miniatura: Il bambino capisce che un oggetto miniatura rappresenta l'oggetto 100% (per esempio, una tazza miniatura è rappresentante di una tazza reale).

 


"icone basate su un oggetto reale (T.O.B.I.s)"

 

True Object Based Icons (T.O.B.I.s): Un T.O.B.I. può essere una linea, una illustrazione, una fotografia acquisita con lo scanner, ecc., che è ritagliata nella figura o nel profilo reale dell'oggetto che rappresenta. La 'figura simbolo', che il bambino può sia vedere che toccare, sembra poter aiutare il bambino più velocemente nel capire un sistema 2-dimensionale della rappresentazione (1). I T.O.B.I.s tendono ad essere piuttosto grandi dei sistemi visivi 2-dimensionale tipici della rappresentazione ed una volta inizialmente introdotti, possono essere di 10 cmi più grandi del formato normale (1).

Foto: Il bambino capisce che una fotografia di un'azione o di un oggetto rappresenta l'oggetto, l'azione o l'evento reale.

Illustrazioni reali: Il bambino capisce che un'illustrazione reale di un'azione o di un oggetto è rappresenta l'oggetto, l'azione o l'evento reale.

Disegni a tratteggio: Il bambino capisce che una linea semplice illustrazione di un'azione o di un oggetto rappresenta l'oggetto, l'azione o l'evento reale.

Parola scritta: Il bambino capisce che la parola scritta rappresenta l'oggetto, l'azione o l'evento reale. La parola scritta dovrebbe accompagnare tutti i sistemi visivi della rappresentazione, dato che tanti bambini autistici, anche al livello non-verbale, hanno abilità di scrittura e lettura emergenti.

 

 

  • Sistema alternativo di comunicazione.

la seguente è una lista de vari sistemi di comunicazione alternativi che possono essere provati con il bambino non-verbale (la lista non rappresenta alcun tipo di gerarchia):

Gestuale: Questo è un sistema di comunicazione alternativo che è importante da stabilire nel bambino non-verbale . Non richiede alcun tipo di sistema visivo della rappresentazione. Un sistema gestuale può includere indicare e/o osservare agli articoli voluti: il bambino che agita la sua testa per indicare"no"; o dimostra che non vuole qualcosa spingendola via, protestare o rifiutare; e muovendo la mano per i saluti.

Scambio dell'oggetto: Un sistema di scambio dell'oggetto è basato sul bambino che dà un oggetto ad un'altra persona per indicare che desidera qualcosa. Cioè il bambino scambia gli oggetti per chiedere, una delle funzioni della comunicazione. Per esempio se il bambino desidera più latte, dà la sua tazza a qualcuno per indicare questa richiesta.

Sistema della indicazione dell'immagine: Questo sistema richiede che il bambino indichi. Sistemi visivi della rappresentazione che possono essere usati: foto, illustrazioni reali, disegni a tratteggio, parole scritte.

Picture Exchange Communication System (PECS) (Sistema di comunicazione Di Scambio Dell'Immagine): PECS permette che il bambino inizi spontaneamente un'interazione comunicativa realmente scambiando, o dando un sistema visivo della rappresentazione ad un'altra persona. In questo sistema di comunicazione alternativo, il bambino impara rapidamente la causa e l'effetto della comunicazione. In più, fisicamente scambiando un sistema visivo della rappresentazione con un'altra persona, il bambino sviluppa una comprensione concreta che la comunicazione è uno scambio di informazioni reale fra due o più genti (per esempio, il bambino passa un'immagine di un'oscillazione ad un adulto per indicare che vorrebbe oscillare). Il programma de PECS si compone di vari fasi o livelli, cominciando dagli scambi comunicativi semplici e concreti e dal muoversi verso la comunicazione più astratta. Per esempio, il bambino all’inizio comincia molto concretamente a scambiare un articolo per fare una richiesta. Mentre avanza, i suoi scambi si trasformano in più comunicativi in complesso, funzioni sociali di sviluppo di comunicazione ad un livello più elevato, come commentare. Sistemi visivi della rappresentazione che possono essere usati: oggetti miniatura, T.O.B.I.s, foto, illustrazioni reali, disegni a tratteggio, parole scritte.

Tastiere o computers Elettronici/alternativi: Alcuni bambini non-verbali autistici esibiscono le abilità di scrittura e della lettura per comunicare efficacemente sia come parlante (espressivo) che ascoltatore (ricettivamente). Possono utilizzare le varie tastiere elettroniche o alternative per la comunicazione (per esempio, un bambino può scrivere verso l'esterno una richiesta comunicativa "ascoltare musica" su un AlphaSmart, una tastiera elettronica). Sistema visivo della rappresentazione che può essere usato: parole scritte.

Assistente Di Comunicazione Dell'Uscita Di Voce - Voice Output Communication Aids (VOCAs): Usando il VOCAs, i bambini non-verbali possono esprimersi spingendo un tasto, che invia un messaggio pre-registrato su un dispositivo di comunicazione. Un sistema visivo della rappresentazione, che il bambino conosce, dovrebbe essere posizionato "sui tasti" del VOCAs. Molti bambini con disordine nello spettro autistico sono motivati a comunicare per mezzo di questi dispositivi, specialmente tramite le risposte uditive immediatamente date al loro messaggio comunicativo. L'uso del VOCAs ha dimostrato efficacia in bambini per imparare la causa/effetto della lingua con attività che li stimolano altamene (per esempio, l'uso del Big Mack è stato efficace affinchè un bambino chiedesse le attività sensoriali preferite quale "prendimi"; "solleticami"; "abbracciami"; "ascoltiamo musica").

Mentre i VOCAs hanno molte qualità positive, dovrebbe essere tenuto conto di fare molta attenzione quando si usa inizialmente per insegnare la comunicazione (funzioni/scopi). VOCAs può essere eccessivamente motivante e stimolante per alcuni bambini. In questi casi, i VOCAs tendono a funzionare come oggetto autostimolante e di interesse piuttosto che come dispositivi di comunicazione. Il bambino spingerà ripetutamente il tasti sul dispositivo per la autostimolazione che riceve dalle risposte uditive, piuttosto che per la causa/effetto del messaggio comunicativo. Quando questo accade, un sistema di comunicazione alternativo differente è suggerito inizialmente per insegnare al bambino lo scopo della comunicazione. Dopo che il bambino impari lo scopo della comunicazione, l'uso di un VOCA potrebbe allora essere esplorato. Sistema visivo della rappresentazione che può essere usato: oggetti reali, oggetti reali miniatura, T.O.B.I.s, foto, illustrazioni reali, disegni a tratteggio, parole scritte .

 

 

Espansione della gamma di funzioni o di scopi comunicativi:

È importante insegnare il bambino comunicare per una varietà di scopi. Dopo la determinazione di come il bambino sta usando la sua lingua per comunicare, le attività di intervento possono essere sviluppate per espandere gli scopi comunicativi del bambino. Le procedure congiunte di attività, così come le attività del gioco, forniscono le occasioni linguistiche per imparare naturalalmente e ampiare il modo come un bambino usa la sua lingua per comunicare. Queste attività dovrebbero essere sviluppate, basandosi sulle motivazioni individualizzate, sui bisogni e sui punti forti del bambino (7). La seguente lista descrive le occasioni di comunicazione che dovrebbero essere rese disponibili per il bambino per svilupparsi ed espandersi rispetto alle tre funzioni di lingua primarie: regolazione del comportamento, interazione sociale e attenzione congiunta (7):

o regolazione del comportamento: “io” è la funzione di lingua d'emersione iniziale dove il bambino usa la comunicazione per regolare i suoi bisogni fisici. Per sviluppare le regolazioni del comportamento comunicative, il programma di intervento include:

§ Occasioni per chiedere alimenti o gli oggetti;

§ Occasioni per fare le scelte fra le alternative;

§ Occasioni per protestare le azioni o rifiutare gli oggetti;

§ Occasioni per chiedere di terminare un'attività;

§ Occasioni o necessità di chiedere assistenza.

o interazione sociale: Questi sono comportamenti comunicativi usati per iniziare, rispondere a, effettuare o terminare le interazioni sociali. Per sviluppare questa funzione comunicativa, l'intervento dovrebbe includere:

§ Occasioni (o bisogni) per dare o trasferire gli oggetti, o seguire il punto di attenzione di un'altra persona ;

§ Occasioni (o bisogni) usare i gesti o i vocalizazzi per portare attenzione agli oggetti o agli eventi (per esempio, guardando i libri, andando al giardino zoologico, ossere verso l'esterno una finestra, ecc.);

§ Occasioni per commentare gli eventi che introducono novità e cambiamenti (per esempio, prendendo i nuovi giocattoli da un sacchetto , realizzare le azioni sugli oggetti);

§ Occasioni o necessità di chiedere le informazioni o chiarificazione (per i bambini con le abilità ad alto livello).

Motivazione a comunicare:

I bambini autistici non sono motivati sempre dagli elementi che motivano i bambini tipici, quali soddisfazione intrinseca o elogio sociale. Di conseguenza, dobbiamo valutare in maniera regolare che cosa sta motivando al bambino con "le valutazioni di rinforzo". I genitori possono fornire molta di queste informazioni critiche. Le attività di motivazione, gli oggetti, ecc. possono servire da punto di partenza nell'istruzione al bambino delle funzioni della comunicazione.

Esempio: È determinato che un bambino sia altamente motivato dal rimbalzo su una palla in terapia. La palla di terapia allora è usata per stabilire una rutina congiunta di attività, lo scopo di cui è insegnare al bambino l'intenzione comunicativa, usando tutta la forma della comunicazione - gesti, le manipolazioni fisiche, le illustrazioni di disegni/linee, ecc.

Sviluppando l'abilità sia per che risponda a che inizi la comunicazione:

o Che risponde alle informazioni: Come le informazioni viene processata del bambino deve essere considerato prima dell'istruzione lui risponde alla comunicazione aseeconda delle capicità di processare l'informazione. Se la capacità del bambino di processare le informazioni uditive è scarsa, avrà difficoltà significativa per imparare a rispondere alla comunicazione verbale. A sua volta, se la capacità del bambino di processare le informazioni visive è forte, questo modo d'elaborazione dovrebbe essere usato nell'istruzione cosi lui puo rispondere giustamente alle interazioni comunicative. Il bambino dovrebbe essere insegnato a rispondere nelle situazioni d'avvenimento naturali attraverso una scanalatura d'elaborazione che lui capisce facilmente.

Esempio: Durante il gioco libero, un insegnante presenta una scheda di scelta visiva al bambino che mostra due immagini. l 'insegnante allora richiama verbalmente con "che cosa vuoi fare?". Il bambino può rispondere giustamente alla domanda indicando o selezionando la sua scelta visiva).

o Inizio della comunicazione: Le situazioni comunicative dovrebbero essere generate, usando le cose che stanno motivando al bambino in una rutina stabilita di attività congiunta (6). Una volta che il bambino prevede un modello prevedibile della risposta nella rutina stabilita di attività congiunta, la rutina si interrompe per generare un motivo affinchè il bambino inizii un'interazione comunicativa, per ristabilire la routine.

Esempio: Una rutina stabilita di attività congiunta delle bolle di sapone è stata stabilita. l'insegnante interrompe la procedura chiudendo il coperchio molto strettamente e disponendo le bolle di sapone davanti il bambino. Un motivo si è generato affinchè il bambino inizii un'interazione comunicativa per "più bolle".

Il sistema di comunicazione di scambio dell'immagine (PECS), che è stato sviluppato per insegnare il bambino iniziare le interazioni comunicative spontanee con altre, è un altro metodo per insegnare al bambino questa tecnica di comunicazione.

 

· Strategie di sviluppo per riparare le incomprensioni nella comunicazione:

Le incomprensioni di comunicazione possono accadere per il bambino non-verbale sia nella ricezione che nell'esprimere dei messaggi comunicativi.

o Incomprensioni nella ricezione della comunicazione: Le seguenti strategie possono essere usate per prevenire incomprensioni, o aiutare il bambino nell riparare la comunicazione quando ricevono le informazioni (6):

· Assicurare l'attenzione del bambino prima della comunicazione dicendo il suo nome, o fisicamente richiamando (per esempio, toccando la sua spalla); Controllare i segni della comprensione (il bambino realizza l'azione appropriata o tenta di rispondere espressivamente);

· Usare frasi semplici e corte;

· Ridurre la quantità di informazioni uditive data;

· Dare al bambino il tempo di rispondere prima di ripetere, dovuto alla possibilità di elaborazione uditiva in ritardo;

· Usare varie strategie visive di sostegno per accertarsi che il bambino capisca il messaggio dato.

o Incomprensione nella comunicazione espressiva: Il bambino autistico può essere insegnato "le strategie di riparazione", che lo aiuteranno nelle incomprensioni a riparare con successo nella comunicazione espressiva. Il bambino deve in primo luogo dimostrare la comunicazione intenzionale prima delle strategie d'istruzione di riparazione (6). Le strategie riparanti per incomprensione nella comunicazione espressiva includono:

· Persistenza: insegnare il bambino a ripetere il suo tentativo comunicativo, se l'insegnante inizialmente non capisce. Questa tecnica deve essere insegnata con l'uso della motivazione delle attività che il bambino preferisce, che manterranno l'interesse del bambino nel perseguire l'interazione comunicativa, anche se una incomprensione è accaduta. (per esempio, se il bambino non è motivato eccessivamente per comunicare che desidera andare alla stanza da bagno, non sarà motivato per persistere nel ripetere questo messaggio una volta che una incomprensione nella comunicazione accade). Dopo che il bambino comunichi un messaggio poco chiaro, l'insegnante comunicativo può rispondere con, "non capisco", o, "dimmi" accompagnato ancora da un gesto adatto (spalle in su). Il bambino dovrebbe essere consigliato a ripetere il messaggio, dato il richiamo minimo se necessario.

· "Mostrami": dopo che il bambino impari ad essere persistente, dovrebbe allora imparare a rispondere a "fammi vedere" ed allora è dato un modello adatto di lingua.


Esempio: Un bambino si avvicina ad un adulto, salta su e giu, vocalizza fortemente e guarda una zona specifica dell'aula. L'adulto verbalizza "fammi vedere", e indica alla zona dell'aula indicata dal bambino ed allora conduce il bambino a quella zona e dice chiaramente "fammi vedere".

o Sistemi di comunicazione alternativi: il bambino dovrebbe essere consigliato ad usare i sistemi di comunicazione alternativi se sono adatti.

Esempio: un bambino si avvicina ad un adulto, vocalizza fortemente ed indica ad una mensola fuori mano. L'adulto dice al bambino "usa le parole" che è un richiamo verbale affinchè il bambino usi il suo libro di comunicazione de PECS per comunicare.

 

Conclusione

 

Avere una buona comprensione del livello corrente di competenza comunicativa del bambino è il primo punto indispensabile per poter sviluppare un programma adeguato di intervento di comunicazione per il bambino non-verbale. Per questi bambini devono essere presi in considerazione anche dei sistemi di comunicazione alternativi. Ad un livello preverbale di competenza comunicativa, è vitale che il bambino sia certo di comunicare efficacemente, piuttosto che mettere al primo posto soltanto lo sviluppo delle sue abilità verbali. Queste abilità (cioè imparare a parlare) possono svilupparsi insieme con l'uso dei sistemi di comunicazione alternativi.

 

by Susan Stokes Autism Consultant
"Written by Susan Stokes under a contract with CESA 7 and funded by a discretionary grant from the Wisconsin Department of Public Instruction. "

 

 

Bibliografia

1. (1)Bloomfield, Barbara C. "Icon to I Can: A Visual Bridge to Independence". TEACCH International Conference, Chapel Hill, North Carolina, May 23-24, 2000.

2. (2)Boswell, Susan. "Building Communication Around Routines". March, 2000. Division TEACCH, Chapel Hill, NC. http://www.unc.edu/depts/teacch/

3. (3)Frost, Lori A. & Andrew S. Bondy. The Picture Exchange Communication System Training Manual. Cherry Hill, NJ: Pyramid Educational Consultants, Inc.,1996.

4. (4)Layton, Thomas L. and Linda R. Watson. Enhancing Communication in Nonverbal Children with Autism. In Kathleen Ann Quill (Ed.) Teaching Children with Autism: Strategies to Enhance Communication and Socialization. Albany, NY. Delmar Publishers, Inc., 1995

5. (5)Peterson, Susan. Picture Exchange Communication System. E-mail exchange, February, 2000.

6. (6)Prizant, Barry M. "Enhancing Communicative and Socioemotional Competence in Young Children with Autism and Pervasive Developmental Disorder". University of Wisconsin Communication Programs, Madison, WI. June 5-6, 1996.

7. (7)Schuler, Adriana L., Barry M. Prizant and Amy M. Wetherby. Enhancing Language and Communication Development: Prelinguistic Approaches. In Donald J. Cohen and Fred R. Volkmar (eds.) Handbook of Autism and Pervasive Developmental Disorders, 2nd Edition. New York, NY. John Wiley and Sons, Inc. 1997

8. (8)Twachtman, Diane D. Methods to Enhance Communication in Verbal Children. In Kathleen Ann Quill (Ed.) Teaching Children with Autism: Strategies to Enhance Communication and Socialization. Albany, NY. Delmar Publishers, Inc., 1995

 

Bacheca Annunci - offerte e richieste di terapisti, supervisor, logopedisti, educatori, etc.

Contenuto CittàCurriculum Data
nopic

Aba.co ricerca terapisti per l'apertura di un nuovo Centro ( / Richiesta terapista)

Per l'imminente apertura di un nuovo Centro siamo alla ricerca di figure già con esperienza nell'amb...
Roma
19-06-2014
da Aba.co
538 visite
SESSUABILITA

SESSUABILITA': educazione sessuale per le diverseabilità ( / Eventi)

Il convegno, in data Sabato 25 Ottobre 2014 Hotel Best Western Ascot - Sala Amaranto Via Lentasi...
MILANO
16-06-2014
da stellam
361 visite
Corso PECS PYRAMID con ECM

Corso PECS PYRAMID con ECM ( / Eventi)

11 - 12 Ottobre 2014 Evento PECS Pyramid Luogo Caserta. Crediti ECM: 20 Scadenza per potersi isc...
Caserta
02-07-2014
da Insegnare ad Imparare
266 visite
nopic

Corso ABA 15 e 21 Giugno ( / Eventi)

Si annuncia che si terrà un corso di analisi del comportamento applicata patrocinato da ANGSA Lombar...
Cernusco sul Naviglio (Milano)
05-06-2014
da abaforever
255 visite
nopic

La Giornata Informativa Gratuita sull'Autismo: Possibili Int ( / Eventi)

L'11 Luglio 2014 si terrà presso il Palazzo della Provincia di Isernia (Sala Gialla) in via G. Berti...
Isernia
18-06-2014
da Insegnare ad Imparare
231 visite
nopic

Cercasi terapista ABA con esperienza ( / Richiesta terapista)

Analista del comportamento cerca terapisti ABA con esperienza per una bimba di 2 anni abitante a Lac...
Lacchiarella (Milano)
16-07-2014
da abaforever
191 visite
CORSO COMPORTAMENTALE ABA-VB

CORSO COMPORTAMENTALE ABA-VB ( / Eventi)

http://www.officinaimparoevado.it/140__CORSI_FORMAZIONE Lo scorso anno abbiamo avuto l'onore di ess...
Genova
26-07-2014
da La Fenice
181 visite
Consulente ABA Supervisionato

Consulente ABA Supervisionato ( / Offerta terapista)

Sono un Consulente ABA supervisionato da 2 Analisti del Comportamento con certificazione BCBA. Mi re...
Roma
Curriculum: Scarica file
17-06-2014
da orphen1981
174 visite
nopic

richiesta terapista aba/vb zona Perugia ( / Richiesta terapista)

Cercasi terapista aba/vb per lavoro con un bambino di 4 anni con disturbo di spettro autistico in zo...
Perugia
01-06-2014
da larag
169 visite
Workshop specialistico e gruppi di lavoro ABA_VB

Workshop specialistico e gruppi di lavoro ABA_VB ( / Eventi)

Luogo di svolgimento: ROMA,presso HOTEL DIANA , via Principe Amedeo 4 (a 100 metri dalla stazion...
ROMA
18-07-2014
da laborform
144 visite
corso integrato comportamentale ABA-VB

corso integrato comportamentale ABA-VB ( / Eventi)

Il corso proposto dall'Associazione Onlus La Fenice, si propone di fornire quegli strumenti teorici ...
Chiavari (GENOVA)
26-07-2014
da imparoevado
131 visite
Workshop specialistico e gruppi di lavoro ABA_VB

Workshop specialistico e gruppi di lavoro ABA_VB ( / Eventi)

Luogo di svolgimento: CAMPOBASSO,presso HOTEL SAN GIORGIO , via Insorti d’Ungheria 15-16 NOVEMBR...
Campobasso
18-07-2014
da laborform
126 visite
nopic

Ricerca terapista ABA ( / Richiesta terapista)

Famiglia di Solaro (MI) cerca terapista ABA già formata e con esperienza per intervento domiciliare ...
Solaro (MI)
25-07-2014
da shirel
110 visite
nopic

Richiesta terapista ABA a Firenze ( / Richiesta terapista)

Ricerco per mio figlio di 13 anni portatore di sindrome disgenetica con tratti marcati autistici,una...
firenze
01-07-2014
da claudio vaggelli
82 visite
nopic

TUTOR/ SENIOR TUTOR ABA (utenza: autismo, dsa, adhd, ...) ( / Offerta terapista)

Buongiorno, sono Larosa Valentina laureata in Educazione Professionale nel 2012. In fase di acquisi...
malgrate (disponibilità RAGGIO DI 30KM)
Curriculum: Scarica file
04-06-2014
da valentina larosa
81 visite
nopic

cercasi terapista ( / Richiesta terapista)

Siamo i genitori di un bambino autistico di 7 anni che da 3 svolge, a casa, sessioni di terapia Aba ...
Venafro (IS)
27-06-2014
da kizza84
79 visite
nopic

CORSO OPERATORI A.B.A. ( / Eventi)

NUOVO Corso Operatori Aba - APERTE LE ISCRIZIONI Viste le numerose richieste, ripartirà verso i p...
Lomazzo
14-08-2014
da coopsole
77 visite
nopic

Tutor ABA ( / Offerta terapista)

Terapista ABA disponibile nei pomeriggi dal mercoledì al venerdì per terapia domiciliare in Milano e...
Milano
Curriculum: 07-06-2014
da g.viscol
77 visite
nopic

Cerchiamo terapista ABA/VB - Roma zona Pisana ( / Richiesta terapista)

Siamo una famiglia di Roma (zona Pisana) e stiamo cercando una terapista ABA-VB per la nostra bambin...
Roma
07-08-2014
da fabiana.dicarlo
67 visite
nopic

disponibilità terapista ( / Offerta terapista)

Buongiorno, mi chiamo Elisa e sono un'educatrice specializzata in Disturbi dello spettro autistico. ...
Milano-Sondrio-Lecco
Curriculum: 22-07-2014
da elisap
55 visite
Le informazioni fornite in questo sito hanno carattere informativo generale e non intendono in alcun modo dare consigli medici. Questo sito non rappresenta una testata giornalistica poichè viene aggionato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d'autore lo si comunichi all'autore del sito che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nel guestbook. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'autore nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.