• 9567 registrati
  • 2 oggi
  • 11 questa settimana
  • 963 questo mese
  • Ultimo: segreteriaPER
Introduzione all’ A.B.A. e sua applicazione nell'autismo Stampa E-mail

La letteratura scientifica internazionale e le Linee Guida per l’autismo - Raccomandazioni tecniche-operative per i servizi di neuropsichiatria dell’età evolutiva redatte dalla Società Italiana di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza (S.I.N.P.I.A.) affermano con assoluta chiarezza che l’Applied Behaviour Analysis (A.B.A.) è la terapia di scelta per questa gravissima patologia infantile.

L'ABA è l'uso dei principi scientifici dell'analisi comportamentale applicata per la modifica di comportamenti socialmente significativi e, data la definizione, non conosce limitazioni nella sua applicazione relative ad età o a patologie. Questa metodologia, infatti, non è appannaggio esclusivo dell’autismo: ad esempio nei paesi anglosassoni è normalmente utilizzata come strumento per risolvere problematiche del mondo del lavoro. Dove é necessario un cambiamento comportamentale, e per comportamento noi intendiamo qualunque cosa facciamo o diciamo che abbia un effetto sull'ambiente, l'ABA é l'unica scienza che ci offre gli strumenti per farlo. Le scelte curriculari, cioè cosa si decide di insegnare o su quali comportamenti/problema si decide di intervenire dipendono dalla situazione personale del singolo soggetto:

  • la funzionalità di certe scelte a lungo termine (in un giovane adulto autistico non verbale e non vocale, la priorità dovrebbe essere l'insegnamento alla comunicazione spontanea, l'autonomia personale, l'insegnamento di abilità indipendenti e possibilmente vocazionali, l'estinzione di comportamenti problema) per incrementare la qualità della vita dell'individuo e familiari;
  • il repertorio attuale dell'individuo (deficit, capacità ed abilità);
  • la situazione familiare e scolastica (cioè quanto questi due ambienti possano sostenere i programmi di cambiamento ed applicare le linee guida);

Al momento in Italia non esistono corsi accademici che preparino e certifichino professionisti in terapia A.B.A. con specializzazione nell’autismo; questa certificazione attualmente si acquisisce solamente all'estero ed è quindi necessario porre la massima attenzione nella scelta dei professionisti, in quanto attualmente non esiste alcuna normativa a tutela e garanzia del paziente.

COS’È E COME SI APPLICA L’ANALISI COMPORTAMENTALE APPLICATA

 

Che cos'é l'ABA?

L'ABA sta per Applied Behaviour Analysis, cioè Analisi del Comportamento Applicata. L' ABA si basa sull'uso dei principi della scienza del comportamento per la modifica di comportamenti socialmente significativi. L'ABA è applicata in moltissimi campi con grande successo, uno di questi campi è l'autismo.

 

Cosa significa fare un programma ABA per un bambino con autismo?

Le tecniche e principi comportamentali sono applicate con successo a bambini con autismo da almeno trent'anni. Un programma ABA consiste nell'applicazione intensiva dei principi comportamentali per l'insegnamento d’abilità sociali (linguaggio, gioco, comunicazione, socializzazione, autonomia personale, abilità accademiche, ecc...) e la correzione di comportamenti problematici (autostimolazioni, aggressività, autolesionismo, ossessioni, ecc...).

 

Si può fare ABA non intensivamente?

Si possono applicare i principi comportamentali per il cambiamento anche solo di un comportamento, come per esempio la riduzione dell'aggressività, incrementare la selezione di cibi, insegnare a farsi la doccia, ecc. Con un programma intensivo, applicato quotidianamente e per un numero adatto di ore (scuola famiglia tempo libero), coinvolgendo tutte le persone nella vita del bambino in maniera uniforme e lavorando su tanti comportamenti, i risultati saranno sicuramente maggiori.

 

L'ABA è una cura per l'autismo?

No, l'ABA non è una cura per la guarigione dall'autismo. È l'insieme di principi scientifici che se applicati in campo di autismo offrono un programma per la riabilitazione educativa del bambino. Alcuni bambini però possono fare talmente tanti progressi da risultare dopo diversi anni indistinguibili da altri bambini in tutte le aree evolutive. Al momento interventi basati sull'ABA rappresentano l'unico approccio educativo scientificamente validato per l'Autismo, tutti gli altri approcci possono essere considerati sperimentali.

 

Chi può applicare l'ABA ad un bambino con autismo?

L'Associazione per l'Analisi Comportamentale, per regolare l'operato di chi applica l'ABA ha dal 2000 indetto la Commissione per la Certificazione di Analisti Comportamentali (BACB). La BACB è l'unico ente internazionale si occupa di certificare persone che hanno completato un rigido percorso post-universitario teorico e pratico in ABA. Molti di questi analisti comportamentali certificati sono specializzati in Autismo. La certificazione internazionale BACB richiede il rinnovo annuale e che l'analista accumuli ogni anno crediti di formazione specifica. Esistono inoltre diverse agenzie private che offrono servizi ABA, le quali utilizzano un sistema di controllo qualità interno per garantire che lo standard raggiunto dai propri "impiegati" risponda a quello stabilito dal modello di terapia a cui fanno riferimento. Per esempio, esistono centri che praticano uno specifico modello di trattamento come il UCLA model of ABA, pionierizzato dal Prof. Lovaas i quali avranno sottoposto i propri psicologi ad un percorso formativo specifico.

 

E se una persona non ha né la certificazione BACB e né lavora per un centro specializzato?

In quel caso il genitore non ha nessuna garanzia che la persona abbia la formazione necessaria per progettare un programma ABA né è protetto dal codice etico a cui deve rispondere l'analista comportamentale certificato BACB. Oltre alla certificazione (che questa sia BACB o un attestato di qualità interna di un centro UCLA o simile) la persona dovrà dimostrare di avere anni di esperienza con decine e decine di casi. La certificazione BACB NON è un optional per chi pratica ABA, è fondamentale per garantire ai genitori la competenza necessaria; l'esperienza in autismo e la supervisione ricevuta sul campo sono gli altri elementi fondamentali e questi sono chiaramente definiti nelle linee guida per il consumatore nella sezione Autism Special Interest Group.

 

Quali elementi deve avere un programma intensivo comportamentale per bambini con autismo?

La ricerca trentennale ha identificato i seguenti elementi:

  • Intervento Intensivo: minimo di 25 - 30 ore settimanali
  • Coinvolgimento massiccio della famiglia
  • Curriculum individualizzato e comprensivo
  • Insegnamento strutturato
  • Insegnamento Incidentale
  • Generalizzazione programmata
  • Insegnamento nell’area della comunicazione
  • Gestione costante dei comportamenti problema
  • Supervisione frequente e qualificata

 

 

LINEE GUIDA - REQUISITI E MODALITA' PER LA CORRETTA ATTUAZIONE DI UN PROGRAMMA ABA

 

Analizzate attentamente tutti e 4 i punti elencati qui sotto. Devono essere soddisfatti tutti contemporaneamente. Se anche uno solo manca, ci sono serissimi dubbi che sia un vero programma ABA quello che vi viene proposto.

1.

IL PROFESSIONISTA

 

La certificazione del professionista è il documento ufficiale che attesta e garantisce un percorso formativo corretto, senza il quale gli utenti non possono essere sicuri della sua competenza e professionalità, né che sia applicato al bambino un vero e produttivo percorso ABA. La certificazione si acquisisce attraverso due percorsi formativi:

  • Analista Comportamentale certificato BACB (il BACB è un Ente Certificatore: www.bacb.com). In assenza, è necessario che la persona stia seguendo un corso post-universitario per accedere all'esame e che la sua pratica sia supervisionata da un'analista certificata.
  • Una certificazione di qualità interna (Level 2 therapist) presso un Centro Ricerche UCLA (Lovaas) - Multi site project (Norvegia, UK-YAP, CEAT) o di un altro centro reputabile con simili attestati sotto guida di un BACB.

Oltre alla certificazione, l'analista comportamentale deve avere l’esperienza e la preparazione pratica specialistica nel dirigere programmi intensivi e non, per bambini e ragazzi con autismo. Questa pratica, deve essere varia e non legata ad un unico modello d’intervento che può essere Lovaas, o VB, insegnamento incidentale, precision teaching o PRT. L'analista comportamentale che si occupa d’autismo deve conoscere tutti questi interventi per meglio individualizzare i vari programmi e quindi per meglio scegliere quello che più é efficace per un particolare individuo in un particolare momento. Deve inoltre tenersi continuamente aggiornato sulle ultime tecniche e questo é possibile solo se si partecipa ai vari seminari e corsi di formazione in giro per il mondo. L'analista comportamentale risponde ad un codice etico preciso, la cui visione é disponibile pubblicamente. È diritto dell'individuo avere accesso al servizio di un analista comportamentale competente, cosi com’è definito dall'Associazione per l'Analisi Comportamentale e la Commissione per la certificazione degli analisti comportamentali. L'Italia, solo perché non ha una tradizione universitaria comportamentale non può considerarsi esente da queste linee guida internazionali. È inoltre importante non accontentarsi solo della certificazione, ma di richiedere anche gli anni di esperienza, il numero di casi con cui ha lavorato, le pubblicazioni, ecc...


INCONTRI E TEAM

La famiglia ed il team partecipano a tutti gli incontri. Per tutta la durata del programma si devono tenere riunioni periodiche, dipendenti dalla complessità dei programmi, fra tutti i tutor, la famiglia, insegnati ed altri operatori interessati al progetto di lavoro. Questo per evitare disomogeneità di comportamento.

AMBIENTE

Gli incontri sono effettuati nell'ambiente naturale del bambino (casa, scuola...) e non in un ambulatorio o altre sedi. Questa condizione è necessaria per poter valutare il bambino nella sua quotidianità ed effettuare cambiamenti significativi nelle sue interazioni quotidiane (all’estero, dove esiste una maggior cultura e diffusione sul territorio di questa scienza, le supervisioni si possono svolgere, con tutto lo staff, nei centri specializzati ABA). Questo punto é particolarmente importante per la gestione dei comportamenti problema.

FAMIGLIA

La famiglia é sempre parte integrante e fondamentale di un programma ABA. Il genitore deve ricevere la stessa formazione dei terapisti ed è invitato, compatibilmente con le esigenze della famiglia, attitudine personale e capacità, a praticare alcune sessioni uno ad uno. In ogni caso il genitore è sempre istruito in tutti i programmi ed incoraggiato a svolgere la massima generalizzazione del lavoro. Oltre ad essere supportato per la gestione dei comportamenti problema.

 

IL TEAM E LA SUA FORMAZIONE

Questo di seguito elencato è in linea approssimativa il percorso formativo necessario per potersi attribuire dei titoli per lavorare in un programma ABA (tutor, supervisor, consultant) e relative competenze. Tempi di formazione e caratteristiche:

 

TUTOR

Il tutor è la persona che lavora quotidianamente con il bambino applicando il programma di lavoro stabilito dal Consultant. Per la sua formazione è necessaria un’esperienza dai tre ai sei mesi su almeno tre bambini affinché sia minimamente competente nel gestire nuove situazioni senza richiedere un continuo intervento.

SUPERVISOR

Pre-requisito: almeno due-tre anni di terapia uno ad uno come tutor, a tempo pieno con almeno 4 bambini sia verbali che non verbali, alto funzionamento e con ritardo considerevole ed almeno 2 come senior tutor (totale 6 bambini) dai 2 ai 12 anni. Una laurea in psicologia o scienza dell'educazione.

Formazione teorica: percorso teorico per accedere all'esame di analista comportamentale (non deve necessariamente fare l'esame, ma solo seguire i corsi necessari per accedere all'esame).

 

Formazione pratica: 1 anno di supervisione sotto un consultant con gestione di 4-6 programmi con frequenza bi-settimanale.

 

CONSULTANT (o supervisor di II° livello)

 

è il responsabile della valutazione del bambino, della stesura del programma di lavoro, della sua implementazione e verifica:

 

Formazione teorica: essenziale lesame da analista comportamentale (BCABA o BCBA o scuola Lovaas e simili). Preferibile oltre all'essenziale: master in analisi comportamentale o dottorato in analisi comportamentale;

 

Formazione pratica: essenziale la supervisione e consulenza di oltre 50 programmi con soggetti dai 2 anni alla tarda adolescenza. Profonda conoscenza della gestione di comportamenti non appropriati e tecniche per incrementare comportamenti appropriati. Aver percorso le tappe di tutor (2-3 anni) e supervisor/senior supervisor con almeno 4-5 anni di esperienza di supervisione (totale 2 tutor + 4-5 supervisor/senior supervisor = 8 anni) sotto monitoraggio di consulenti competenti;

 

Preferibile oltre all'essenziale: abilità di condurre ricerca in analisi comportamentale.

 

TEMPI DI FORMAZIONE MINIMA

 

Tutor: 6 mesi

Supervisor: dai 3 ai 4 anni

Consultant: dai 6 agli 8 anni.

 

Alcune note sull’ABA tratte dalle “Linee Guida per l’autismo - Raccomandazioni tecniche-operative per i servizi di neuropsichiatria dell’età evolutiva”, redatte dal S.I.N.P.I.A. (Societa’ Italiana di Nneuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza) dalle quali si evince la cruciale importanza che riveste l’applicazione di questa metodologia riabilitativa/cognitiva in tutti gli ambienti e situazioni di vita del bambino (scuola, famiglia, tempo libero), indispensabile per il trattamento dei bambini che rientrano nei “disturbi generalizzati dello sviluppo – spettro autistico”.

 

GLI APPROCCI COMPORTAMENTALI

L’analisi del comportamento (Behavior Analysis) è lo studio del comportamento, dei cambiamenti del comportamento e dei fattori che determinano tali cambiamenti. L’analisi del comportamento applicata (Applied Behavior Analysis = ABA) è l’area di ricerca finalizzata ad applicare i dati che derivano dall’analisi del comportamento per comprendere le relazioni che intercorrono fra determinati comportamenti e le condizioni esterne. In questa prospettiva l’“analista comportamentale” utilizza i dati ricavati per formulare teorie relative al perché un determinato comportamento si verifica in un particolare contesto e, conseguentemente, mette in atto una serie di interventi finalizzati a modificare il comportamento e/o il contesto. Le informazioni ricavate dall’analisi del comportamento, pertanto, sono utilizzate in maniera propositiva e sistematica per modificare il comportamento. L’ABA prende in considerazione i seguenti 4 elementi:

  • gli antecedenti (tutto ciò che precede il comportamento in esame);
  • il comportamento in esame (che deve essere osservabile e misurabile);
  • le conseguenze (tutto ciò che deriva dal comportamento in esame);
  • il contesto (definito in termini di luogo, persone, materiali, attività o momento del giorno) in cui il comportamento si verifica.

Il programma d’intervento (la modifica del comportamento) viene realizzato su dati che emergono dall’analisi, utilizzando le tecniche abituali della terapia del comportamento: la sollecitazione (prompting), la riduzione delle sollecitazioni (fading), il modellamento (modeling), l’adattamento (shaping) e il rinforzo.

INTERVENTI NEO-COMPORTAMENTALI

Nel corso di questi ultimi anni è stato progressivamente riconosciuto che un programma eccessivamente strutturato comporta notevoli problemi di “generalizzazione” delle competenze apprese al di fuori del setting d’apprendimento. Peraltro, è stato riconosciuto che il bambino autistico può apprendere molto di più di quanto comunemente ritenuto in ambienti “naturali”, in maniera incidentale.

* Recentemente, pertanto, esiste una tendenza ad utilizzare il paradigma dell’ABA implementandolo negli ambienti che “naturalmente” il bambino frequenta (famiglia, scuola, attività del tempo libero). Ciò comporta, evidentemente, il coinvolgimento dei genitori, dei fratelli, degli insegnanti e dei coetanei, con opportuni training per l’implementazione dei programmi di intervento sul bambino.

Tale tendenza, peraltro, traduce l’orientamento verso un tipo di intervento sempre più “centrato sul bambino”, sulla stimolazione della sua iniziativa e sulla facilitazione del suo sviluppo sociale (Prizant et al., 1998)

LA SCUOLA

La scuola rappresenta uno spazio privilegiato nel progetto terapeutico, poiché oltre a favorire gli apprendimenti accademici (lettura, scrittura, calcolo) permette di realizzare una parte di quel più generale programma finalizzato al miglioramento dell’interazione sociale, all’arricchimento della comunicazione funzionale ed alla diversificazione degli interessi e delle attività. Peraltro, la presenza dei coetanei rende l’ambiente scolastico il palcoscenico naturale, in cui il soggetto può generalizzare acquisizioni e competenze favoriti in setting strutturati in maniera terapeutica (terapia psicomotoria, logopedia, educazione strutturata in un rapporto uno a uno)

* Nelle situazioni in cui persiste una marcata compromissione funzionale nelle aree della socialità, della comunicazione e delle funzioni cognitive, l’insegnante preposto alla presa in carico del soggetto deve “conoscere” le principali strategie d’approccio (principi dell’ABA, dell’AAC, etc.) e, con l’aiuto degli operatori del Servizio, deve ad esse ispirarsi per la realizzazione degli obiettivi curriculari individuati in accordo alle esigenze del caso.

Documento tratto dal sito: www.emergenzautismo.org

 

Bacheca Annunci - offerte e richieste di terapisti, supervisor, logopedisti, educatori, etc.

Contenuto CittàCurriculum Data
nopic

Bcaba in formazione ( / Offerta terapista)

Buongiorno sono un bcaba in formazione supervisionata da un consulente d'eccellenza, lavoro nel camp...
Milano, Pavia
Curriculum:
21-01-2017
da GretaD.
37 visite
nopic

Terapista A.B.A disponibile su Milano e Hinterland ( / Offerta terapista)

Terapista disponibile su Milano e Hinterland a partire da Febbraio. Disponibilità tutte le mattine c...
Milano
Curriculum: Scarica file
20-01-2017
da rosa.greco
21 visite
TERAPISTA ABA DA FORMARE

TERAPISTA ABA DA FORMARE ( / Offerta terapista)

Salve, sono Claudia, laureata in Psicologia Clinica e prossima all'iscrizione all'albo A degli psico...
Giovinazzo
Curriculum:
20-01-2017
da Claudia_87
17 visite
nopic

Cerco terapista ( / Richiesta terapista)

Salve, cerco un terapista maschio per mio figlio autistico di 14 anni. Viviamo a Casandrino (na)....
Casandrino
19-01-2017
da Domy
15 visite
nopic

consulente ABA/VB ( / Offerta terapista)

salve a tutti. Sono Prisco Barbara, consulente ABA/VB in via di certificazione internazionale BCBA. ...
Roma
Curriculum: 17-01-2017
da barbara80
95 visite
Imparo giocando : gruppi di gioco per bambini dello spettro

Imparo giocando : gruppi di gioco per bambini dello spettro ( / Eventi)

Da marzo avranno inizio i gruppi di gioco per bambini dello spettro autistico ( dai 2 ai 12 anni).La...
Firenze
16-01-2017
da dottoressaroberta
196 visite
nopic

Cercasi Terapista ABA ( / Offerta terapista)

Buongiorno cero una terapista ABA formata per un bambino di 4 anni con diagnosi di autosmo Zona Ca...
Casiano Magnago
Curriculum: 13-01-2017
da sale87
98 visite
nopic

Cercasi Terapista ABA ( / Richiesta terapista)

Buongiorno cercasi terapista ABA formata per un bambino con spettro autistico Zona Gallarate pomer...
Gallarate
13-01-2017
da sale87
92 visite
nopic

cercasi terapista Aba/VB ( / Richiesta terapista)

Buonasera, cerchiamo un/una terapista domiciliare Aba/VB per la nostra bimba di quasi tre anni, di...
Lanciano
08-01-2017
da DaniloDP
147 visite
nopic

Tnpee e Terapista ABA si offre per terapie domiciliari ( / Offerta terapista)

Salve! Sono una giovane terapista e mi offro per la collaborazione in equipe per terapie domiciliar...
Alatri (Frosinone)
Curriculum:
08-01-2017
da Maria Cristina
128 visite
nopic

Offerta come terapista ABA ( / Offerta terapista)

Salve, sono un'educatrice professionale laureata in scienze dell'educazione e terapista ABA. Offro l...
Pisa
Curriculum:
07-01-2017
da TaniaFa
101 visite
nopic

CERCASI – EDUCATRICE TERAPISTA ABA ( / Richiesta terapista)

Cercasi – PADERNO DUGNANO (MILANO) – TERAPISTA ABA-VB con esperienza, per bambino di 4 anni. Richie...
Paderno Dugnano (MI)
06-01-2017
da Lev
117 visite
nopic

CERCASI – TERAPISTA ABA ( / Richiesta terapista)

CERCASI – EDUCATRICE TERAPISTA ABA con esperienza per bambino di 4 anni - PADERNO DUGNANO(MILANO) R...
Paderno Dugnano (MI)
06-01-2017
da Lev
90 visite
nopic

Cercasi - Logopedista ABA ( / Richiesta terapista)

CERCASI – LOGOPEDISTA ABA con esperienza per bambino di 4 anni - PADERNO DUGNANO(MILANO) Richieste ...
Paderno Dugnano (MI)
06-01-2017
da Lev
55 visite
nopic

RICERCA TERAPISTA ABA ( / Richiesta terapista)

RICERCHIAMO URGENTEMENTE terapista ABA anche in formazione, motivata a crescere professionalmente da...
TERNO D'ISOLA (BG)
06-01-2017
da morena.fazzini
94 visite
nopic

Richiesta terapista ( / Richiesta terapista)

Cercasi terapista Aba in Bergamo città, per mio figlio di 29 mesi a cui è stato diagnosticato un dis...
Bergamo
05-01-2017
da fra_75
119 visite
nopic

EducABA ( / Eventi)

Un progetto rivolto alle difficoltà educative nell'ambito del trattamento dei disturbi del comportam...
LURAGO D'ERBA COMO
04-01-2017
da Angela Argentieri
205 visite
nopic

terapista ABA/VB ROMA ( / Offerta terapista)

salve,sono una psicologa, psicoterapeuta e terapista ABA/VB da anni lavoro con bambini e adolescenti...
roma
Curriculum:
26-12-2016
da va85555
212 visite
nopic

Cerco terapista provincia Torino ( / Richiesta terapista)

Buongiorno a tutti, cerco terapista possibilmente con formazione a.b.a. nelle vicinanze di Pinerolo ...
Vigone
20-12-2016
da Ilariagagliano
192 visite
nopic

Mi offro come terapista ABA/VB Perugia e provincia ( / Offerta terapista)

Buongiorno, sono una psicologa dell’età evolutiva e un tecnico ABA/VB formato presso l’istituto Wa...
Perugia
Curriculum:
20-12-2016
da miriam78
187 visite
Le informazioni fornite in questo sito hanno carattere informativo generale e non intendono in alcun modo dare consigli medici. Questo sito non rappresenta una testata giornalistica poichè viene aggionato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d'autore lo si comunichi all'autore del sito che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nel guestbook. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'autore nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.

Questo sito utilizza i cookies di profilazione. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information