• 9426 registrati
  • 2 oggi
  • 8 questa settimana
  • 551 questo mese
  • Ultimo: CeRi
Mariposa school Training Manual - Capitolo 19 Problemi comportamentali Stampa E-mail

Traduzione a cura di www.iocresco.it

 

Mariposa School - Training Manual Italiano iocresco_Cap19Cosa fare se il bambino piange per ottenere quello che vuole?

Procedura del Conteggio

La procedura fa capire al bambino  che il rinforzo al momento non è disponibile. Può essere usata quando un bambino vuole  qualcosa  che può avere, ma non per un comportamento inappropriato. Il bambino emette un comportamento non adattivo (piange, calcia, urla, ecc.) per ottenere quello che vuole.

 

Insegnante: "Non piangere" (inizia a contare non  appena il bambino fa un respiro ma si ferma non appena ricomincia a piangere).

Insegnante: ripete "Non piangere" (inizia a contare di nuovo ogni volta che il bambino smette di piangere).

STUDENTE: <Smette di piangere per 10 secondi>

Insegnante: aiuta il bambino al suo livello  attuale (imitativo, con segno  utilizzando l’aiuto mano su mano, con la domanda “Cosa vuoi?”) a richiedere ciò che vuole.

Per alcuni bambini tale procedura può in verità aumentare i capricci. In tal caso è possibile che la presenza dell'insegnante o del genitore suggerisca ancora al bambino che può ottenere quello che vuole (stimolo  discriminativo per il rinforzamento). Questa eventualità può essere vera soprattutto all'inizio dell'insegnamento se il genitore o l'insegnante hanno rinforzato i capricci in passato. Se è così, il genitore o l'insegnante dovrebbe lasciare la stanza, ignorando la crisi (sempre che il bambino non stia facendo niente  che possa causare lesioni o distruzione). Appena termina il capriccio, ritornare e aiutare il bambino  a richiedere ciò che vuole in maniera appropriata.

 Attenzione che  alcuni bambini, specialmente coloro che sono  molto  ecolalici, possono iniziare ad associare il ‘contare’ alle loro richieste (mands). In questo caso, invece di contare ad alta voce, usate le dita per scandire i secondi.

 

Cosa fare se il bambino inizia a piangere o ad urlare ma non sembra voler nulla?

  In  questo caso, il comportamento negativo potrebbe essere una richiesta (mand) di attenzione. I genitori tendono naturalmente a correre dal loro bambino quando è in pericolo, pensando che sia il nostro ‘lavoro’ di genitori  capire che cosa c'è che non va. Sfortunatamente, il bambino può aver capito (imparato) che quando vuole che i suoi genitori gli prestino attenzione, è sufficiente che inizi ad urlare. Ciò vuol dire che dovete ignorare il vostro bambino quando si fa male o è triste? No, non completamente. Se un bambino è caduto e si è fatto male al ginocchio, dovrete in tutti i modi confortarlo e mettergli un cerotto. Ma se il vostro bambino piange frequentemente e quando andate da lui tutto nulla sembra essere sbagliato, probabilmente sta piangendo per ottenere la vostra attenzione. In questo caso è importante che smettiate di fornirgli attenzioni rinforzandogli il comportamento. Al contrario, prestate molta attenzione quando il bambino ha un comportamento adeguato. Ad esempio avvicinatevi a lui quando sta guardando un libro tranquillamente ed regalategli tanti abbracci e coccole (se gli piacciono gli abbracci e le coccole!). Continuate ad ignorare il comportamento problema. Se tale comportamento è un tentativo di ottenere attenzione, ignorarlo o fare una pausa potrebbe funzionare. Se il bambino usa un  comportamento distruttivo o autolesionistico per ottenere attenzione, non lasciate il bambino da  solo. Bloccate il comportamento e proteggete il bambino, ma non ditegli niente e non rivolgetegli coccole (non rinforzate).

 Insegnate al  bambino ad usare le parole per dirvi che ha bisogno di attenzione. Per esempio, insegnategli a dire "voglio essere abbracciato" o "vieni” a giocare con me" e assicuratevi di dargli tantissima attenzione quando usa queste parole!

 

Cosa fare se il bambino è capace di pronunciare parole, ma rifiuta di chiedere quello che vuole?

 Raramente un bambino rifiuta di pronunciare una parola quando ha un forte desiderio per qualcosa. Se il bambino sa dire una parola per etichettare qualcosa non significa che sappia richiederla usando quella parola stessa.

 Anche se un bambino è capace di usare una parola per richiedere qualcosa, per alcuni bambini può essere molto difficile ricordare  quale parola utilizzare, specialmente se è sotto pressione. Ad esempio, molti bambini con  aprassia sono capaci di dire una parola semplicemente su imitazione o anche, in alcune occasioni, di pronunciarla correttamente senza modelli, ma quando viene chiesto loro "Cosa vuoi?", potrebbero non essere in grado di usare quella parola. La cosa migliore da fare è di proseguire e di aiutare il bambino, anche se pensate che conosca quella parola. Dategli un po’ di ciò che ha vuole e cercate di ottenere di nuovo una risposta senza aiuto.

  Esempio:

 

Genitore: "Cosa vuoi?" (il bambino  cerca di prendere un biscotto) "Biscotto"

STUDENTE: "Biscotto" (il genitore dà un piccolo pezzo di biscotto)

Genitore: "Cosa vuoi?" (usa "l'eco" dell'ultima risposta)

STUDENTE: "Biscotto"

Genitore: "Cosa stai facendo?"

STUDENTE: "Mangio"

Genitore: "Bravo! Quello che stai mangiando è un ... "

STUDENTE: "Biscotto"

Genitore: "Giusto tesoro mio! Cosa vuoi?"

STUDENTE: "Biscotto"

 

Cosa fare se il bambino inizia ad urlare per sfuggire ad un luogo o ad una situazione?

 Ciò è, in sostanza, un comportamento di fuga.  Nel momento in cui un bambino ha un comportamento negativo che serve a tale funzione, è importante non permettere mai al bambino di fuggire o evitare la domanda che gli è stata posta. Una volta formulata la richiesta, è  importante che l'insegnante/il genitore insista e, se necessario, aiuti fisicamente il bambino ad  eseguire quanto richiesto. A questo punto è necessario esaminare le nostre strategie di insegnamento per determinare se le richieste effettuate sono basate sul giusto livello di abilità  del bambino. Dobbiamo anche prendere in considerazione l'ambiente per capire se il bambino voleva fuggire da  qualcosa (luci, rumori, odori, ecc.). È importante insegnare al bambino un comportamento appropriato.

Per esempio, potete insegnare al bambino a chiedere una pausa. Date al bambino  una pausa immediatamente la prima volta che ve lo chiede. In seguito, quando il bambino chiede una pausa, fategli sapere quando potrà averla.

 

Cosa fare se il comportamento è stato rinforzato con l'auto-stimolazione (cose che fanno sentire bene il bambino)?

  In questo caso, dovrete prevenire fisicamente il comportamento prima che si presenti. I comportamenti auto stimolatori sono auto rinforzanti. Se ad un bambino  viene permesso di  proseguire, il comportamento aumenterà.  Insegnate al bambino a dilettarsi (rinforzo) con le interazioni sociali (con i pari) e/o con altre attività che possano fornire il medesimo input sensoriale, ma con forme più appropriate e meno dannose.


icon Cap19 - Problemi comportamentali (149.43 kB)


Disclaimer - Avviso

Si ringrazia Mariposa School per aver concesso la libera traduzione e pubblicazione di questo manuale.

Questo documento è stato tradotto da soggetti non direttamente collegati alla Mariposa School, Mariposa non garantisce o assicura che I contenuti tradotti rappresentano con accuratezza l’originale.

the document was translated by a party unrelated to Mariposa and as a result, Mariposa makes no guarantees or assurances that the translated content accurately represents the original.

Il manuale completo originale è scaricabile al link: Training Manual – Entire Manual

 

Bacheca Annunci - offerte e richieste di terapisti, supervisor, logopedisti, educatori, etc.

Contenuto CittàCurriculum Data
nopic

Cercasi terapisti ABA interland Milano sud (Buccinasco) ( / Richiesta terapista)

Cercasi urgentemente terapisti ABA a Buccinasco (MI) per bambina di 21 mesi non verbale a cui è stat...
Buccinasco
05-12-2016
da Ettore
0 visite
nopic

ricerca educatore ( / Richiesta terapista)

salve sono Anna, mamma di un bambino di 3 anni e mezzo con autismo ad alto funzionamento sono alla...
Mozzanica
01-12-2016
da Anna De Gregorio
63 visite
nopic

ricerca educatore ( / Richiesta terapista)

Salve sono Anna, mamma di un bambino autistico ad alto funzionamento. il bambino deve incominciare...
Mozzanica
01-12-2016
da Anna De Gregorio
46 visite
nopic

Terapista A.B.A disponibile su Milano e Provincia ( / Offerta terapista)

Mi offro come terapista A.B.A per le seguenti zone: -Milano -Pioltello - Cernusco sul Naviglio -...
Milano
Curriculum: Scarica file
29-11-2016
da rosa.greco
88 visite
nopic

CORSO RBT TECNICI COMPORTAMENTALI CERTIFICATI ( / Eventi)

L'ASSOCIAZIONE LA FABBRICA DEL CUORE - AMICI PER L'AUTISMO - ONLUS ORGANIZZA un corso di formazione ...
ROMA
28-11-2016
da arici
113 visite
nopic

CERCASI – EDUCATRICE TERAPISTA ABA ( / Offerta terapista)

CERCASI – EDUCATRICE TERAPISTA ABA con esperienza per bambino di 4 anni - PADERNO DUGNANO(MILANO) ...
Paderno Dugnano (MI)
Curriculum: 27-11-2016
da Lev
82 visite
nopic

Richiesta terapista Cernusco sul Naviglio (Milano) ( / Richiesta terapista)

Cercasi terapisti ABA preferibilmente con esperienza e formazione e con tanta motivazione. Nostro f...
Cernusco sul naviglio (MI)
23-11-2016
da abapertommy
104 visite
nopic

Psicologa dello sviluppo approccio cognitivo comportamentale ( / Offerta terapista)

Buongiorno, sono una psicologa dello sviluppo e psicoterapeuta cognitivo-comportamentale in formazio...
Mantova
Curriculum: 21-11-2016
da chiara.muliari
96 visite
Psicologa dello sviluppo e dell

Psicologa dello sviluppo e dell'educazione ( / Offerta terapista)

Sono una Psicologa dello Sviluppo e dell'educazione. Sono specializzata in autismo infantile, temati...
FIRENZE
Curriculum:
19-11-2016
da dottoressaroberta
147 visite
nopic

materiale per sessione ABA ( / Offro/vendo materiale)

Salve, mi chiamo Irene Aru sono mamma di un bambino autistico. Ho creato una pagina facebook “MAT...
olbia
17-11-2016
da irene aru
424 visite
nopic

psicologa,Educatrice,Terapista aba ( / Offerta terapista)

Psicologa, Psicoterapeuta, Educatrice e terapista aba offre la propria collaborazione per terapie ab...
Bari
Curriculum:
17-11-2016
da Rosilda
115 visite
nopic

CERCASI URGENTEMENTE TERAPISTA ( / Richiesta terapista)

si ricerca terapista ABA a domicilio, anche da formare, per 1/2 bambini residenti a Ladispoli (RM). ...
Ladispoli (RM)
17-11-2016
da anna.pepa
105 visite
nopic

Psicologo a domicilio ( / Offerta terapista)

Psicologo con esperienza ventennale disponibile al vostro domicilio su appuntamento per: Sostegno e...
Rimini
Curriculum: 16-11-2016
da gerrani
96 visite
nopic

Psicologo a domicilio ( / Offerta terapista)

Psicologo con esperienza ventennale disponibile al vostro domicilio su appuntamento per: Sostegno e...
Rimini
Curriculum: 16-11-2016
da gerrani
95 visite
nopic

terapista/educatore ABA ( / Richiesta terapista)

Cercasi urgentemente terapista ABA già formato oppure persona con predisposizione a lavorare/giocar...
Imola
15-11-2016
da Michileo
116 visite
nopic

Educatore ( / Offerta terapista)

Educatore con laurea magistrale in Scienze della Formazione, operatore ABA in formazione (Master ABA...
Nuoro
Curriculum: Scarica file
10-11-2016
da Osvaldo
135 visite
nopic

Cercasi - TERAPISTA ABA ( / Richiesta terapista)

Cercasi – PADERNO DUGNANO (MILANO) – TERAPISTA ABA-VB con esperienza, per bambino di 4 anni. Richie...
Paderno Dugnano (MI)
10-11-2016
da Lev
150 visite
nopic

Psicologa, terapista ABA, tutor professionale DSA ( / Offerta terapista)

Offre la propria disponibilità alle famiglie della provincia di Trapani e Palermo. Eseguo terapie A...
Alcamo
Curriculum: Scarica file
09-11-2016
da elena.cusumano
140 visite
nopic

Psicologa Psicoterapeuta ( / Offerta terapista)

Psicologa Psicoterapeuta, con esperienza nell’ambito dei Disturbi dello Sviluppo, dello Spettro Auti...
Roma
Curriculum:
07-11-2016
da monicabalderi
185 visite
nopic

materiale per sessione aba ( / Offro/vendo materiale)

Salve, mi chiamo Irene Aru e sono mamma di un bambino autistico. Ho creato una pagina facebook ,mat...
olbia
06-11-2016
da irene aru
356 visite
Le informazioni fornite in questo sito hanno carattere informativo generale e non intendono in alcun modo dare consigli medici. Questo sito non rappresenta una testata giornalistica poichè viene aggionato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d'autore lo si comunichi all'autore del sito che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nel guestbook. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'autore nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.

Questo sito utilizza i cookies di profilazione. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information